skip to Main Content

Parco Orsiera Rocciavrè

Il Parco Orsiera Rocciavré a cavallo tra la Val di Susa, la Val Sangone e la Val Chisone abbraccia maestose montagne, dolci vallate, rifugi alpini con la tipica cucina di montagna, laghi, laghetti e strade epiche per il 4×4.
Ti raccontiamo tutto quello che c’è da sapere di questo bellissimo parco naturale dal versante valsusino .

Parco orsiera Rocciavrè: come arrivare

I punti di accesso al Parco in Val di Susa sono dai comuni di San Giorio, Meana e Villar Focchiardo.

Escursioni nel Parco Orsiera a seconda del punto di accesso

San Giorio

Parco Orsiera Rocciavrè: Paradiso delle Rane
Parco Orsiera Rocciavrè: Rifugio Valgravio
Parco Orsiera Rocciavrè: Rifugio Toesca

Meana di Susa

Parco Orsiera Rocciavrè: Colle delle Finestre
Parco Orsiera Rocciavrè: Giro dei Forti

Villarfocchiardo

Parco Orsiera Rocciavrè: Giro delle Certose

Parco Orsiera Rocciavrè: Mappa

Ti lasciamo qui una delle nostre tipiche mappe che ti farà da guida in quello che ti raccontiamo su questo parco.

Parco orsiera rocciavrè mappa

Clicca sulla mappa per ingrandirla

A questo link trovi la mappa ufficiale del sito del Parco Orsiera Rocciavrè.

Parco Orsiera Rocciavrè: Flora e Fauna

Il parco presenta una flora particolarmente interessante poiché si passa attraverso diverse altitudini incontriamo così: boschi di latifoglie, boschi di conifere fino a praterie alpine e vallette nivali, dove la neve resiste per più di 9 mesi all’anno.

La fauna presente all’interno del parco è composta da animali che vivono prettamente in territorio alpino, tra i principali che possiamo incontrare: camoscicapriolicervivolpimarmotteaquile e anche il lupo, che da alcuni anni, grazie ad un progetto di reintegro, popola nuovamente le Valli Chisone e Val di Susa.

I laghetti alpini sono invece abitati dalla rana temporaria, dal salmerino di fonte e dalla trota fario.

Parco Orsiera Rocciavrè: Fauna
Parco Orsiera Rocciavrè: Fauna

Parco Orsiera Rocciavrè: Itinerari

L’ambiente è prevalentemente alpino, con quattro cime sopra i 2.800 metri: Monte Orsiera, Rocca Nera, Punta Cristallina, Punta Gavia. Il Parco Orsiera Rocciavrè offre diversi tipi di escursioni ma la più affascinante è senza dubbio quella del Giro dell’Orsiera o G.O: il trekking di 5 giorni per 55 Km totali nel Parco Naturale Orsiera-Rocciavrè, un giro ad anello con tappa di rifugio in rifugio che richiama trekker da tutta Europa. L’itinerario del G.O si può poi dividere in tratti più brevi ed anelli per escursioni in giornata.

Ti abbiamo lasciato sopra le ultime escursioni che abbiamo fatto nel parco, ne trovi altre sul sito ufficiale: Parchi Alpi Cozie.

Parco Orsiera Rocciavrè: Rifugi e bivacchi

All’interno del parco si può mangiare e/o soggiornare in uno dei seguenti Bivacchi/Rifugi:

Parco Orsiera Rocciavrè: Alpeggi

Oltre alla bellezza del paesaggio e alla ricca natura nel parco c’è anche la possibilità di gustare gli ottimi prodotti del territorio, non solo nei rifugi ma anche negli alpeggi dove le mucche sono solite passare la loro estate rifocillandosi di prelibate erbette alpine donando così al loro latte un aroma inconfondibile.

Tra i formaggi più pregiati nel parco troviamo: la Toma d’alpeggio e la Toma Del Lait Brusc, ideali per accompagnare un buon tagliere o anche una polenta.

Alpeggi Parco orsiera Rocciavrè
  • Alpe Montebenedetto (Villar Focchiardo):
    L’Alpeggio si trova nel complesso monumentale della Certosa di Montebenedetto ed è gestito dall’azienda agricola Giovale Manuel. Nel caseificio dell’alpeggio si produce dal 15 aprile al 15 novembre
  • Alpe Toglie (Mattie)
    Alpeggio del Consorzio Agricoltori ed Allevatori di Mattie, è gestito dall’azienda agricola Gulli Manuel. Nel caseificio dell’alpeggio si produce dal 10 giugno al 30 settembre
  • Alpe Balmetta Vecchia (Bussoleno)
    Alpeggio comunale. È gestito dalla Società agricola Listello Amelio e Giovale Lucia di sant’Antonino di Susa. Nel caseificio dell’alpeggio si produce da giugno a settembre.
  • Alpe Fumavecchia (Villar Focchiardo):
    L’Alpeggio privato, è gestito dall’azienda agricola Alpe Casette di Venturino Angela Luigina di Meana.
    Nel caseificio dell’alpeggio si produce da giugno a ottobre

Parco orsiera Rocciavrè: bambini

Sono molte le passeggiate nel Parco Orsiera Rocciavrè adatte anche ai bambini, non c’è bisogno di avventurarsi sulle cime più alte per godere appieno della bellezza di questo parco, fra quelle che abbiamo provato di consigliamo sicuramente:

Parco orsiera Rocciavrè: cani

Amiamo molto questo Parco perchè qui i cani possono sgambettare felici e dopo una settimana passata ad uscire al guinzaglio non c’è niente di più bello di vederli correre felici nei prati.

Il regolamento del parco dice: ” E’ consentita l’introduzione di cani di qualsiasi razza, purche’ al guinzaglio o sotto il controllo diretto del conduttore “, quindi via ad esplorare i sentieri del Parco con il tuo fedele amico!

Ti lasciamo qui il regolamento completo.

Parco Orsiera Rocciavrè: cani

Parco orsiera Rocciavrè: tenda

Il regolamento del parco dice: ” …il campeggio e’ consentito, dal tramonto all’alba, agli escursionisti, “, potrai quindi bivaccare sotto le stelle durante un trekking all’interno Parco. Se vuoi campeggiare anche d’inverno ma non hai l’attrezzatura ti segnaliamo l’iniziativa del Rifugio Toesca in collaborazione con Ferrino : passerai la tua notte stellata “invernale” senza trascurare il comfort ed il calore dato dalla super attrezzatura termica fornita in dotazione.

Quando andare

In inverno e primavera in base alla presenza di neve si consiglia di rimanere sotto i 1700 mt. Il Rifugio Toesca è un buon compromesso in quanto è raggiungibile con una ciaspolata di circa 3 ore oppure con sci d’alpinismo. Questo è l’unico rifugio aperto nella stagione invernale sul versante della Val di Susa nel parco Orsiera. Ti consigliamo di contattare il gestore per avere maggiori informazioni sull’effettiva apertura e sulla situazione neve. In estate puoi davvero spaziare qua è là in tutto il parco.

Si può rimanere bassi con facili escursioni adatte anche agli escursionisti più piccini come quella al Rifugio Geat Val Gravio partendo dal Paradiso delle Rane. Si può anche decidere di fare un anello più lungo in giornata, come quello di Colle Mulinas o ancora l’anello del Colle Aciano.

D’autunno lo spettacolo di colori e il bramito del cervo renderanno la tua escursione qualcosa di magico, insomma c’è davvero l’imbarazzo della scelta: cartina alla mano e scegli l’itinerario che fa al caso tuo oppure guarda nella nostra sezione trekking e itinerari e seguici per rimanere aggiornato su tutti i consigli e le novità.

Newsletter

Una volta al mese condividiamo con te i nostri migliori consigli su cosa fare e cosa vedere in Val di Susa, iscriviti a "Quanto t'ho amata".

Ciao siamo Arianna e Alessandra
autrici del blog Visit Val di Susa ti portiamo alla scoperta di questa bellissima valle tra le meravigliose montagne, i paesini storici e la sua gastronomia genuina.

Hai un'attività in Val di Susa? Promuoviti con noi.