fbpx

La Bagna Cauda

(Intingolo aglioso con verdure da inzuppare)​

[Bagna Cauda] o bagnacàoda «bagna (cioè intingolo) calda»]. – Specie di salsa, tipica della cucina piemontese, a base di olio, burro, aglio, alici; si serve bollente in apposito recipiente di coccio fujòt con fornellino acceso, in cui vengono intinte verdure cotte e crude di stagione.

Fatta di solo 4 semplici ingredienti: burroolio (in Val di Susa veniva usato quello di noci), aglio e acciughe sotto sale questa aromatica salsina è arrivata fino a noi portata dai mercanti di sale e acciughe provenienti dalla Provenza. Il suo nome francese era “Anchoiade“. Con l’arrivo di questo piatto nelle terre valsusine e piemontesi l’antica ricetta viene modificata rispetto a quella francese con l’introduzione degli ortaggi in accompagnamento.

Le verdure da utilizzare nella ricetta devono essere fresche e di stagione: cardi gobbi di Nizza Monferratotopinamburcuori di cavolo biancoindivia e scarolapeperoni crudi e sotto vinacciacipollotti immersi nel vino barberabarbabietole rosse cottepatate lessecipolle al fornozucca fritta e peperoni arrostiti.

Il risultato della ricetta è una cremina meravigliosamente profumata nella quale si possono intingere verdure, pane e alla fine… un pò di tutto!

La pirofila di cottura va portata in tavola con sotto l’apposito fornello a spirito, oppure preferibilmente  vanno usate le “sciunfiette” (ciotole di terracotta) una per ciascuno, con un cero acceso nell’apposito vano sotto per mantenere la salsa alla giusta temperatura.

Devi fare attenzione ai primi bocconi: la scottatura è un’eventualità moooolto frequente! 😉

La ricetta della Bagna Cauda

Ingredienti

Procedimento

  1. Tagliare a fettine gli spicchi d’aglio svestiti della pellicina esterna e privati del germoglio.
  2. Mettere l’aglio in un tegame di coccio, aggiungere un bicchiere d’olio e iniziare la cottura a fuoco bassissimo mescolando costantemente con un cucchiaio di legno (l’aglio dovrà solo sciogliersi senza abbrustolirsi);
  3. aggiungere poi le acciughe dissalate, private della lisca, lavate nel vino rosso e asciugate.
  4. Versare il restante olio a coprire e portare l’intingolo a cottura a fuoco molto lento per circa 30 minuti, facendo attenzione a non far friggere l’olio. Al termine della cottura si potrà aggiungere, per ammorbidire la salsa, un pezzetto di burro freschissimo.

La bagna caòda è pronta per essere servita e va consumata molto calda, appena preparata.  Versare un mestolo di salsa per ogni sciunfietta e servirla in tavola con le verdure.

La tradizione vuole che a fine pasto si raccolga lo “spesso della bagna” strapazzando nella conca della sciunfietta ancora calda, un uovo di gallina o di quaglia freschissimo, facendolo cuocere lentamente e per concludere a “detergere” si beva una bel brodo caldo!

Scarica la ricetta in pdf

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

ARIANNA e alessandra dell'olio

Founder di Visit Val di Susa

Benvenuta/o sul nostro blog! Siamo le autrici del blog Visit Val di Susa, ti portiamo alla scoperta di questa bellissima valle tra le meravigliose montagne, i paesini storici e la sua gastronomia genuina. Seguici! 

Iscriviti alla Newsletter per conoscere tutte le novità, gli eventi ed i nostri consigli sulla Val di Susa

Piatti e prodotti tipici

La ricetta dei canestrelli di Vaie

Piatti e prodotti tipici

Le Cabiette di Rochemolles

Piatti e prodotti tipici

I Vini della Val di Susa

Piatti e prodotti tipici

Miele in Val di Susa: consigli, varietà e produttori

Piatti e prodotti tipici

La ricetta dei Goffri valsusini

Piatti e prodotti tipici

In girula per gli alpeggi del Moncenisio

    Accetto la Privacy Policy per il trattamento dei dati personali

      Accetto la Privacy Policy per il trattamento dei dati personali

        Accetto la Privacy Policy per il trattamento dei dati personali

          Accetto la Privacy Policy per il trattamento dei dati personali

            Accetto la Privacy Policy per il trattamento dei dati personali

              Accetto la Privacy Policy per il trattamento dei dati personali