fbpx

Il lago di Rochemolles e la sua valle incantata: ecco perché non devi perdertela!

Una vallata circondata da verdi pendii, un lago color smeraldo alimentato da immense cascate che corrono giù impetuose e rigeneranti e tappeti di fiori dai mille colori. Esiste dalle parti di Bardonecchia, una Valle selvaggia, incantata e poco conosciuta, stiamo parlando della Valle di Rochemolles.

DI COSA SCRIVIAMO

Ci piace venire qui perché c’è tutto quello che serve per rigenerarci, sia che vogliamo rilassarci sia che vogliamo camminare o pedalare, insomma ti diciamo la nostra: se devi ricaricare le batterie questo è il posto giusto!
rochemolles

Come arrivare al Lago di Rochemolles

In auto

Da Bardonecchia alla rotonda che si trova all’imbocco o all’uscita dell’autostrada si imbocca la Strada per Rochemolles, raggiunto il paesino di Rochemolles (1600 mt.), ti consigliamo di parcheggiare la macchina e visitare il piccolo borgo, le baite rimaste intatte in pietra e legno e la chiesetta affrescata del 1200. Superato il paesino la strada diventa sterrata e sale fino a costeggiare il lago artificiale creato da una diga che sbarra la valle. Questo è un punto molto panoramico, con tavolini in legno per una pausa foto o pic-nic.

In treno

Si raggiunge la stazione di Bardonecchia e dal 29/06 al 25/08 e da qui si prosegue con la navetta fino all’abitato di Rochemolles. CLICCA QUI PER VEDERE GLI ORARI DELLA NAVETTA

A piedi lungo la Decauville

Questa strada, aperta negli anni ‘20, su cui viaggiava il trenino di servizio durante i lavori di costruzione della diga di Rochemolles, collega quest’ultima ai bacini di Frejusia, situati sulle pendici del monte Jafferau. Praticamente pianeggiante, è possibile raggiungerla da Bardonecchia, da Piazza Statuto, salendo ai bacini dalla frazione Millaures. La Decauville percorsa interamente è lunga 7 km ed arriva fino alla diga di Rochemolles.

A piedi da Rochemolles

Subito dopo il paese di Rochemolles si trova la cappella dedicata a San Rocco, nei pressi della quale inizia un sentiero percorribile solo a piedi, che sale verso la diga. Durante il tragitto si incontra per due volte la strada del Sommeiller; al secondo incrocio, proseguendo sulla destra si raggiungono le Grange Mouchequite mentre a sinistra, dopo un breve tratto di carrozzabile, si trova l’indicazione “Strada pedonale Diga”. Da qui proseguendo si attraversano dei prati sino a giungere ad un ponticello in legno; attraversandolo e seguendo il sentiero che si inerpica sul versante destro orografico della Diga si raggiunge la sommità del muro di contenimento. Costeggiando il lago, si arriva alle Grange “Plan” e successivamente si incontra nuovamente la strada del Sommeiller.

Il lago di Rochemolles

Il Lago di Rochemolles è uno specchio d’acqua verde smeraldo fiancheggiato sulla riva est da un fitto bosco di larici che d’autunno cambiano colore tingendosi d’oro. Il lago artificiale si è formato a seguito della costruzione della diga per opera delle Ferrovie dello Stato tra il 1924 e il 1930. Lungo la sponda ovest invece, una stradina sterrata costeggia il lago fino alla fine. Questo è il posto ideale per stendere una coperta e rilassarsi beatamente cullati dallo scroscio delle cascate.

Pesca

Nel lago di Rochemolles e nel torrente è possibile pescare con licenza B a partire da 500 metri a monte della diga e fino al ponte sul torrente prima di arrivare al vallone del Rifugio Scarfiotti.

Rifugio Scarfiotti

Proseguendo lungo la carrozzabile, senza scendere a sinistra verso il lago, si prosegue fino a raggiungere il pianoro del Rifugio Scarfiotti (mt. 2135). Anche qui ci si può rilassare ma sicuramente il via vai, soprattutto in piena estate è decisamente maggiore per la vicinanza alla strada che porta al Colle del Sommeiller che come il Colle del Moncenisio divide l’Italia dalla Francia. Il percorso per arrivare al rifugio è abbastanza impervio, la strada è stretta e sterrata ma non impossibile, basta prestare attenzione e avere un mezzo che sia sufficientemente alto per la presenza di pietre e avvallamenti, in ogni caso non ti preoccupare perché si può salire anche a piedi in circa un’ora di camminata lasciando la macchina nei pressi del lago. Arrivati su ci si trova di fronte ad un pianoro circondato da cascate spettacolari, laghetti cristallini e alpeggi, la location del nostro pranzo merita ogni passo fatto! Abbiamo ordinato: acciughe al verde, tomini con composta di peperoni e 2 polente conce, ricordati sempre di prenotare, qui sotto ti lasciamo i contatti. Prima di pranzo ti consigliamo di arrivare a piedi fin sotto all’enorme cascata che si trova alle spalle del rifugio, la carica di energia di questo posto è impossibile da descrivere a parole. Ci soffermiamo a lungo a pensare. Cosa siamo noi di fronte a tutto questo per aver la presunzione di ergerci al di sopra della natura?

Escursioni

Tra le passeggiate da fare ti consigliamo quella facile al Gros Peyron (3047 mt.), quella più impegnativa alla Rognosa d’Etiache (3375 mt.)

4x4 e Punta Sommelier

Questa strada, aperta negli anni ‘20, su cui viaggiava il trenino di servizio durante i lavori di costruzione della diga di Rochemolles, collega quest’ultima ai bacini di Frejusia, situati sulle pendici del monte Jafferau. Praticamente pianeggiante, è possibile raggiungerla da Bardonecchia, da Piazza Statuto, salendo ai bacini dalla frazione Millaures. La Decauville percorsa interamente è lunga 7 km ed arriva fino alla diga di Rochemolles.

Informazioni pratiche salita al Sommeiller

La Strada del Sommeiller è percorribile senza limitazioni fino al Rifugio Scarfiotti, dopodichè è possibile proseguire (salvo neve) nel periodo 1 maggio – 30 novembre. Tra il 15 luglio ed il 30 agosto la strada è chiusa tutti i giovedì, negli altri giorni è aperta dalle 9 alle 17 previo pagamento di €5.

Nonostante il buono stato della strada si raccomanda cautela: il transito avviene a proprio rischio e pericolo tenendo a mente la propria responsabilità per danni procurati a sé stesso, cose e persone.

BROCHURE REGOLAMENTO SOMMELIER

Dove dormire

Se la tua idea è quella di fermarti qualche giorno, ti segnaliamo questi posti per dormire, vicinissimi alle passeggiate che ti abbiamo appena segnalato e circondati da verdi montagne:

  • Bilocale in baita, nel cuore della piccola borgata Cianfuran
  • Monolocale panoramico in borgata, per chi ama la natura
  • Chalet della Guida, residence nella borgata storica di Rochemolles

Dove mangiare

Cucina tipica di montagna e prodotti genuini sono gli ingredienti unici di questi posti, ecco i nostri consigli su dove gustare un ottimo pranzetto:

  • Ristorante ‘L Fouie
  • Rifugio Scarfiotti
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

ARIANNA e alessandra dell'olio

Founder di Visit Val di Susa

Benvenuta/o sul nostro blog! Siamo le autrici del blog Visit Val di Susa, ti portiamo alla scoperta di questa bellissima valle tra le meravigliose montagne, i paesini storici e la sua gastronomia genuina. Seguici! 

Iscriviti alla Newsletter per conoscere tutte le novità, gli eventi ed i nostri consigli sulla Val di Susa

Natura e parchi

Autunno in Val di Susa tra cervi e sfumature dorate

Natura e parchi

Il Colle del Moncenisio: cosa vedere e fare

Natura e parchi

Raccogliere le castagne in Val di Susa

Natura e parchi

Valle Argentera: escursioni e consigli in una valle incantata

Natura e parchi

Colle del Collombardo: panorama a 360° fino al bellissimo Santuario

Natura e parchi

Andar per funghi in Val di Susa

Natura e parchi

Colle delle Finestre: una strada epica per mtb e 4×4

    Accetto la Privacy Policy per il trattamento dei dati personali

      Accetto la Privacy Policy per il trattamento dei dati personali

        Accetto la Privacy Policy per il trattamento dei dati personali

          Accetto la Privacy Policy per il trattamento dei dati personali

            Accetto la Privacy Policy per il trattamento dei dati personali

              Accetto la Privacy Policy per il trattamento dei dati personali