Il sentiero dei morti tra borgate e antiche mulattiere sopra Condove

L’anello del sentiero dei morti ripercorre le antiche strade o meglio mulattiere di un tempo, quando ci si spostava a piedi da una borgata all’altra. É una bella e facile escursione poco sopra Condove in bassa Val di Susa. bellissima in primavera quando i prati prendono vita e colore.

Indice

I territori sopra Condove sono ricchissimi di storia: le numerose borgate presenti, alcune ormai abbandonate del tutto, sono la testimonianza della fervente vita di un tempo su queste montagne.

Tutte queste borgate sono collegate tra loro da una fitta rete di sentieri e mulattiere che una volta erano le vere e proprie strade di un tempo.

Attraverso queste mulattiere: ci si spostava da una borgata all’altra, si scendeva a Condove, si saliva agli alpeggi come quelli del Colle del Colombardo oppure, come nel caso del Sentiero dei Morti, si trasportavano i defunti.

Il “Sentiero dei Morti”  (Strà di Mort) collega Mocchie alle borgate vicine a Lajetto è così chiamato perché, fino all’istituzione della nuova parrocchiale con la realizzazione del cimitero di San Bernardo, le borgate: Coindo, Lajetto, Sigliodo Inf e Sup avevano come unico cimitero quello della Parrocchia di Mocchie. Non restava quindi che trasportare a mano le bare per 2,6 Km da Sigliodo fino a Mocchie.

Il sentiero cadde in disuso e sprofondò nella selva quando vennero costruiti il cimitero di Laietto e la strada.

Oggi però grazie all’ottimo lavoro di Condove Outdoor è stato individuato, segnalato e ripulito e merita sicuramente una visita se si vuole fare una passeggiata non troppo impegnativa e a bassa quota.

Lungo il sentiero sono apparse ben visibili le “Pere d’ Mort” pietre piatte dove i portantini posavano la bara per riposarsi durante il tragitto.

A metà percorso al panoramico punto Rubatài è stata posizionata una panchina in tronchi di legno che ha solo da far invidia alle blasonate Big Bench, da qui il panorama è mozzafiato, si vede tutta la bassa valle: Avigliana con i suoi laghi, la Sacra di San Michele fino a Torino, ci immaginiamo la bellezza di vedersi un tramonto da qui. 

Mappa del percorso (anello sentiero dei morti)

Descrizione itinerario

Da Torino ci si dirige a Condove, quindi si segue per Mocchie e dopo il cimitero si svolta a dx fino ad arrivare alla borgata Bonaudi (clicca qui per visualizzare il punto su Maps). 

Da qui si parcheggia e si sale lungo il sentiero che procede di fronte a noi, al bivio che troviamo a pochi metri dal parcheggio imboccato il sentiero andiamo a destra. Arrivati alla borgata di Camporossetto ci accoglie un bellissimo pianoro che in primavera è un tripudio di primule e di violette. Non si può non notare la bellissima Cappella di San Martino

Dopo la fontana della borgata si scende a dx tra le case fino a Sigliodo, da qui inizia il tratto in sali scendi che ci riporterà fino ai Bonaudi.

Condividi l'articolo

Facebook
Email
WhatsApp
Difficoltà T
visitvaldisusa

Una bella e facile passeggiata autunnale nel Parco Orsiera Rocciavrè

I posti più belli non sempre sono quelli meno raggiungibili! Oggi ti parliamo di una suggestiva escursione nel Parco Orsiera Rocciavrè, che dal Paradiso delle Rane ti porta fino al Rifugio Amprimo. Stiamo parlando di una bellissima e rigenerante passeggiate tra boschi dorati e pianori dove potrai cogliere la magia di del foliage in autunno e se fai piano e ascolti bene, in silenzio potrai scorgere tra gli alberi qualche simpatico gnomo.

LEGGI L'ARTICOLO
Difficoltà T
visitvaldisusa

Lago Arpone

Un laghetto dalle mille emozioni: area relax d’estate, incanto di colori in autunno, silenzio e quiete in inverno. Il Laghetto si raggiunge con una breve e facile camminata o ciaspolata nel bosco dalla frazione di Bar Cenisio in Val Cenischia, una valle secondaria della Val di Susa. Una piccola gemma d’acqua a due passi dalla diga del Moncenisio e totalmente immersa in uno scenario di pura natura. Da qui proseguendo si raggiunge il famoso lago artificiale della diga del Moncenisio con i suoi numerosi forti militari.

LEGGI L'ARTICOLO
Difficoltà T
visitvaldisusa

Sentiero dei Gufi Basso

Dal centro del piccolo borgo di Venaus fino al regno dei gufi. Una facile passeggiata adatta anche ai più piccoli ti porterà alla scoperta del bosco e dei suoi abitanti. Si chiama sentiero dei gufi perché proprio per l’appunto attraversa un bosco abitato da numerose famiglie di gufi e civette che potrai sentire bubolare al crepuscolo, soprattutto nelle sere d’estate. Occhi aperti e orecchie tese all’ascolto. Ti auguriamo tanti avvistamenti.

LEGGI L'ARTICOLO
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy