Cosa visitare in Val di Susa? La nostra TOP 10 tra chiese, musei ed abbazie

La Val di Susa è ricca di luoghi da scoprire. Ti abbiamo parlato in tanti articoli dei suoi luoghi naturali ed incontaminati, oggi invece vogliamo mostrarti i luoghi di interesse storico, religioso e culturale che ti lasceranno a bocca aperta. Ecco i 10 siti culturali che secondo noi non devi perderti in Val di Susa

Indice

Le terre valsusine sono custodi di storia e antiche leggende, calpestate nei secoli da mercanti, uomini di chiesa, nobili, eserciti e pellegrini, che lungo il cammino hanno lasciato dietro di se un pezzetto della loro storia. Ed è così che la Val di Susa diventa un autentico museo a cielo aperto, lungo la Via Francigena su fino alla Sacra di San Michele, poi fra le viuzze di Avigliana medievele, sotto l’arco di Augusto in una Susa romana e sulla strada di Napoleone fino al Colle del Moncenisio, verso i territori francesi proprio come i viandanti di un tempo.

La mappa delle top 10 posti da vedere in Val di Susa tra chiese, musei e opere storiche

Cosa visitare in Val di Susa? 10 consigli

1. Sacra di San Michele (Sant'Ambrogio di Torino)

sacra-di-san-michele

Più di mille anni di storia racchiusi in queste mura, te la raccontano i volti scolpiti nei capitelli, il monte Pirchiriano su cui si erge la Sacra di San Michele, lo scalone dei morti e le mulattiere che salgono su per la montagna e attraversano boschi di faggi e castagni fino a giungere al cospetto di questa meraviglia. 

2. Abbazia di Novalesa (Novalesa)

Un’antica abbazia benedettina da scoprire attraverso i racconti delle guide che ti faranno rivivere una storia vecchia di 1300 anni. Da non perdere i magnifici affreschi della cappella di San Eldrado e due passi nella natura che circonda il complesso: prati verdi su cui passeggiare e boschi che celano delle bellissime cascate.

3. Forte di Exilles (Exilles)

Si narra che nelle sue segrete vi fu rinchiusa la Maschera di ferro. Un forte di dimensioni imponenti più volte distrutto e ricostruito, visitabile liberamente in alcune sue parti o con una guida che ti porterà a scoprire tutti gli ambienti, dalle prigioni nei sotterranei, ai cortili interni fino al sottotetto.

4. Arco di Augusto (Susa )

A Susa, ti capiterà di camminare sotto un arco di più di 2000 anni costruito in onore dell’imperatore Augusto, circondato da montagne che arrivano a toccare i 3000 metri come il Monte Rocciamelone. L’Arco è il monumento simbolo di Susa e ti accoglie in un questa antica e importante città, da non perdere anche: Porta Savoia, la Cattedrale di San Giusto, il Castello di Adelaide e la focaccia di Susa!

5. Castello di Avigliana (Avigliana )

O meglio quel che ne resta, ormai solo pochi ruderi ma che rendono perfettamente l’idea della bellezza che poteva avere un tempo questo castello che domina la cittadina di Avigliana. Impagabile la vista sui due laghi, approfittane per organizzare una bella giornata fra le viuzze di questa città medievale.

6. Forte di Bramafan (Bardonecchia )

Un forte perfettamente restaurato che non appena varcata la soglia riporta indietro alla vita delle truppe ai tempi della prima e seconda guerra mondiale. Le cucine, le camerate, la sala delle armi, il tutto reso più vivido dai numerosi ritagli di giornale e dalle lettere scritte dai soldati al fronte.

7. Dinamitificio Nobel (Avigliana )

Una delle fabbriche di dinamite di Albert Nobel, si proprio il Nobel del Premio Nobel per la pace. Situata nella Palude dei Mareschi è stata una delle più grandi fabbriche di produzione di esplosivi fino al 1961. Oggi grazie ai volontari dell’Associazione Amici di Avigliana è visitabile (nel periodo estivo) con visite guidate ricche di dettagli e avvincenti racconti della vita di un tempo in questa fabbrica.

8. Certosa di Montebenedetto (Villarfocchiardo )

In pieno spirito certosino questo complesso si trova in posizione isolata, nascosto nei boschi del parco orsiera è il luogo perfetto per riscoprire una delle ultime abbazie certosine medievali ed assaporare la quiete della natura che la circonda. D’estate poi è possibile approfittare della malga adiacente per un buon gelato fatto con latte fresco o fare scorta di burro e formaggi d’alpeggio.

9. Museo della Preistoria (Vaie )

La storia della Val di Susa è molto antica e a Vaie puoi scoprire le sue origini preistoriche. Laboratori e dimostrazioni di tecniche che arrivano direttamente dal neolitico e dall’età del bronzo come: la lavorazione della pietra, la fusione e la colata del bronzo e la fabbricazione di monili.

10. Precettoria di sant'antonio di ranverso (Rosta )

Il complesso monastico di Sant’Antonio di Ranverso, sul tratto della Via Francigena tra Rivoli e Avigliana, all’imbocco della Val di Susa, è uno dei più celebri esempi del gotico internazionale. In una cornice naturale ben conservata, il complesso architettonico appare ancora oggi perfettamente riconoscibile nella sua composizione originaria, comprendente oltre alla chiesa, il monastero (con annesso chiostro conservatosi), l´ospedale (del quale si conserva integra solo la notevole facciata con ghimberga e pinnacoli), presso il quale i monaci Antoniani fornivano assistenza ai malati del cosiddetto fuoco di Sant’Antonio (o ignis sacris), nonché un articolato sistema di cascine. 

Condividi l'articolo

Share on facebook
Facebook
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy